Carlo Tavecchio si è dimesso lunedì come presidente della Federcalcio italiana (FIGC). Una decisione che arriva una settimana dopo la mancata qualificazione dell’Italia per la Coppa del Mondo 2018 .

Durante la conferenza stampa, l’ex presidente 74 anni, non ha mai espresso buone parole, ha cosi fornito le sue spiegazioni. “Se avessimo segnato contro la Svezia sarei stato un grande, ma oggi non ho più nulla da chiedere. Il calcio mi ha dato moltissimo, così come la Lega Dilettanti e i ragazzi che hanno lavorato con me. A 74 anni non è un mio problema “. ha dichiarato, prima di tornare ai rimpianti. ” Un errore di cui mi pento? ” Non essere intervenuto nell’intervallo di Italia-Svezia per cambiare allenatore…“.

Al termine di un mandato segnato da molte polemiche, Tavecchio lascia la presidenza della Federazione italiana da una conferenza stampa molto vivace. “Mi vogliono mettere in testa che sono stanco.  Ma se qualcuno vuole venire domani andrò a passeggiare sul Sassolungo, potete venire con me se volete, evidentemente non era pronto a lasciare il suo incarico.