Trasferitosi dallo Zenit San Pietroburgo a Tianjin Quanjian, il centrocampista Axel Witsel (27), ha preferito la scelta finanziaria da quella sportiva dopo aver più volte ribadito il suo desiderio di raggiungere la Juventus. Intervistato dai media, il Belga ha giustificato la sua decisione di unirsi alla squadra cinese.

“Quando ero andato via dal Benfica allo Zenit, c’era stata una critica. I giornalisti avevano detto che era questione  di soldi, ma va bene, io sono abituato alle critiche. La verità è che stata una scelta di stile di vita per mia moglie ei miei figli. sono fiducioso che questo sarà un’esperienza utile per tutti noi. Nel tempo i miei figli diranno che hanno vissuto in Russia e in Cina “, ha assicurato Witsel.

Di certo i suoi 18 milioni ogni anno lo aiuteranno notevolmente ad adattarsi alla Cina.