Il Comitato Tecnico Scientifico ha preso ancora tempo e il parere non e’ ancora arrivato, facendo rimanere in bilico la ripresa della Serie A. Il CTS avrebbe dovuto consegnarlo nella giornata di ieri e quindi si attendevano novita’, almeno sul fronte degli allenamenti di squadra ed invece c’e’e stato un altro rinvio.

Ormai si attende solo il via libera da parte degli stessi tecnici, per redigere un documento con cui la Serie A possa ripartire dal 18 maggio con allenamenti di gruppo. Molte squadre hanno gia’ ripreso, da qualche giorno, ad allenarsi in maniera individuale, ma tante altre stanno ancora aspettando il via libera del governo.

Il via libera agli “allenamenti in gruppo” e’ considerato, un po da tutti, il punto cardine, per poter guardare, con un po’ più di realismo alla ripresa del calcio giocato e quindi della cosiddetta fase 3. Al momento però, almeno per quel che riguarda il calcio, siamo fermi alla fase 1 e mezzo, visto che mancano ancora le linee guida per avviare la fase 2, ovvero quella dei suddetti allenamenti di squadra.

Probabilmente, l’ulteriore frenata di ieri e’ arrivata anche in seguito della notizia arrivata dalla Germania, in cui e’ emerso che, dai controlli effettuati all’interno delle squadre, sono risultati positivi due calciatori della Dinamo Dresda.

La squadra, militante nella serie B tedesca, avrebbe dovuto giocare ad Hannover il prossimo 17 maggio, ma dopo la notizia della positivita’ dei due ragazzi, tutta la squadra e’ stata messa in quarantena.

A questo punto, appare evidente che il problema persiste e sono sempre piu’ necessarie, delle linee guida chiare, da seguire in caso di una possibile positivita’. Proprio su questo punto gli scienziati italiani, sono sempre stati favorevoli ad una linea dura e cio’ che sta avvenendo in GERMANIA, evidentemente ha indotto a prendere altro tempo.