Mino Raiola attacca: “Se mi chiamano pizzaiolo è colpa sua”

Il procuratore Mino Raiola ha spiegato l’origine del soprannome ‘pizzaiolo’ che da diversi anni ormai lo accompagna.

Mino Raiola
Mino Raiola (© LaPresse)

Nel mondo del calcio di soprannomi bizzarri ce ne sono stati e ce ne sono ancora molti. Ma nessuno caratterizzante come quello di Mino Raiola, per tutti il ‘pizzaiolo’. Eppure, il procuratore di origine campane di pizze nella sua vita non ne ha sfornata mai nemmeno una!

Lo ha confessato lo stesso procuratore, uno dei più ricchi e potenti della storia, in un’intervista rilasciata a Sport 1. Intervista iniziata con questa domanda: “Potrebbe dirci come fare la pizza perfetta?“. La risposta è stata spiazzante: “Ecco la storia del pizzaiolo. Sai cosa? Non ho fatto una sola pizza in vita mia. Non so nemmeno come farla. M aho portato molte pizze agli ospiti del ristorante dei miei genitori“.

Niente pizze dunque, se non da portare. In effetti, basta leggere qualunque biografia del procuratore di campioni come Ibrahimovic, Pogba e Haaland, tra gli altri, per scoprire che non è mai stato un pizzaiolo, il buon Raiola. Ma in effetti ha trascorso diversi anni in un ristorante come cameriere. Un’esperienza che per lui è stata come una palestra di vita. Ma allora perché per tutti lo conoscono come pizzaiolo? La ‘colpa’ è di una sola persona.

Leggi anche -> Haaland, addio Dortmund senza Champions? Raiola esce allo scoperto

Mino Raiola pizzaiolo: l’origine del soprannome

C’è un motivo per cui tutti lo chiamano pizzaiolo. E c’è un colpevole. Nella stessa intervista lo ha raccontato lo stesso Raiola, svelando che la responsabilità è di un suo amico, un grande personaggio del mondo del calcio: Sinisa Mihajlovic.

Sinisa Mihajlovic Bologna
Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna (© LaPresse)

A quanto pare, tutto è iniziato quando Miha era ancora un calciatore dell’Inter, mentre Ibrahimovic, già assistito da Raiola, era un calciatore del Milan. In seguito a un derby, Sinisa parlò a sproposito dello svedese, dicendo “stupidaggini” secondo il noto procuratore. E Mino non gliele lasciò passare, perché chi attacca i suoi calciatori attacca anche lui.

Da quel botta e risposta a distanza nacque un vero e proprio litigio, e Mihajlovic a un certo punto se ne uscì dicendo: “Cosa vuole il pizzaiolo?“. E da lì, complice anche il suo lavoro all’interno del ristorante di famiglia e le sue origini salernitane, Raiola divenne per tutti pizzaiolo di soprannome e anche di fatto. Ancora oggi moltissimi pensano che Mino abbia lavorato in una pizzeria prima di diventare un procuratore. Una verità stravolta che probabilmente rimarrà tale ancora a lungo, forse per sempre.