Lecce, tutti all’attacco: la promozione da cercare con show

L’attacco del Lecce è ciò che può cambiare questa Serie B, al momento in pausa e che riprenderà proprio con un recupero dei pugliesi. La pausa invernale è importante, i giallorossi possono migliorarsi per completare un settore offensivo da sogno.

gol Lecce Attacco - foto LaPresse
Il Lecce ha un attacco atomico – foto LaPresse

La lezione del Lecce in Serie B è spesso quella di una squadra completamente votata all’attacco. Una gioia da vedere con gli occhi, quando il Lecce è ispirato, l’attacco diventa una sorta di caterpillar sulle povere malcapitate.

Gol e qualità da modellare, serviva la giusta amalgama al gruppo di Marco Baroni, che aveva iniziato un po’ con il freno a mano tirato e ora sembra volato verso un campionato d’alta quota. Al di là degli ultimi risultati, il Lecce ha avuto nell’attacco il suo punto di forza. Il gruppo pugliese è convinto come sia meglio fare sempre un gol in più, ben sapendo come la difesa negli ultimi anni non sia stato un punto di forza.

Nell’ultima esperienza in Serie A, i pugliesi presero 87 gol ma proprio grazie all’attacco riuscirono a giocarsi le loro chance sino all’ultima giornata. Lo scorso anno fu proprio fatale il settore difensivo: quando il Lecce aveva quasi un piede e mezzo nuovamente nella massima serie, la retroguardia mollò di colpo.

I moschettieri del gol, qualità in abbondanza

curva Lecce - foto LaPresse
Giallorossi in ripresa per questa stagione – foto LaPresse

Sono tante le bocche di fuoco di questo Lecce. I giallorossi hanno davvero un potenziale mica male, probabilmente il migliore di tutta la categoria. Massimo Coda va verso i cento gol in cadetteria e con un rinnovo contrattuale che gli farà chiudere la carriera in giallorosso. Classico attaccante di categoria, ma utile anche in un futuro in Serie A, vede la porta come pochi. Poteva fare anche un altro tipo di carriera, è ora l’elemento migliore per il tipo di attacco dei giallorossi.

Il bomber, non a caso, sta lottando per la classifica dei capocannonieri, insieme all’altra sorpresa in zona offensiva. Gabriel Strefezza era sì un giocatore offensivo ma con il gol aveva avuto poca confidenza tra Cremonese e Spal. In questa stagione ha affinato i suoi piedi, segnando anche delle reti meravigliose (due proprio contro la sua ex Spal). È un’ala, ma praticamente sta diventando un bomber per la gioia dei tifosi.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Un problema del gol arriva da Genova

Senza dimenticare Francesco Di Mariano, spesso passato alle cronache per essere il parente di Totò Schillaci, ma è un attaccante davvero utile ai giallorossi. I giovani in rosa sono importanti, Pablo Rodriguez è un talento pescato dal Real Madrid atteso alla distanza. Lecce sogna il ritorno nella massima serie, la via del gol potrebbe renderla felice.