Scommettiamo che Blanco e Mahmood non vincono Sanremo 2022?

Il Festival di Sanremo 2022 ha due grandissimi favoriti su tutti, Mahmood e Blanco. Puntare su altri potrebbe però portare a grandi guadagni.

Mai come quest’anno il Festival di Sanremo 2022 è sembrato già deciso ai nastri di partenza. La coppia formata da Mahmood e Blanco è apparsa sin dal giorno dell’annuncio costruita appositamente per conquistare la vittoria finale. Basta un’analisi superficiale per accorgersene: il primo ha già vinto la kermesse, un po’ a sorpresa, nel 2019, ed è ormai apprezzato e accettato anche dal pubblico ‘maturo’; il secondo è il fenomeno assoluto del 2021, campione di vendite e artista amatissimo dal mondo dei social e dal pubblico dei teenager. La miscela tra le loro qualità dovrebbe in automatico portare la vittoria. Ma è davvero tutto già scritto?

Mahmood e Blanco
Mahmood e Blanco (fonte Ansa)

Guardando all’andamento delle quote dei bookmaker la risposta sarebbe uno scontatissimo . Dati per favoriti alla vigilia, dopo la prima esibizione, con il primato nella classifica parziale della Sala stampa, i due si sono confermati come super-favoriti, al momento quotati a 2. Un motivo in più per scommettere contro di loro, se amiamo il rischio.

Analizzando la situazione, esistono infatti altri nomi forti su cui poter puntare. Con la consapevolezza di non avere la vittoria in tasca, certo, ma anche con la speranza di poter guadagnare una somma ben più consistente. La graduatoria della prima serata è infatti parzialissima, e conta sul peso solo della Sala Stampa. Vero che anche il televoto dovrebbe premiare il duo, ma attenzione alla criticatissima Demoscopica, sempre pronta a sovvertire i pronostici. Il voto dei ‘fruitori di musica’ sarà attivo dalla serata del giovedì. E sicuramente ci sarà da divertirsi.

Leggi anche -> Sanremo 2022: per quale squadra tifano i cantanti in gara nella prima serata

Scommesse vincitore Sanremo 2022: su chi puntare (oltre Mahmood e Blanco)

Fare una scommessa è più divertente se non si punta sui super-favoriti. E allora cerchiamo di individuare alcuni dei possibili outsider del Festival. Da tenere d’occhio Elisa, favorita nella seconda serata della kermesse, apprezzatissima dalla Critica e dalla Stampa, e amatissima anche dal pubblico, sia da quello giovane che da quello meno giovane. Sulla carta, l’unica vera rivale della coppia Mahmood-Blanco sembra essere proprio lei.

Emma Marrone
Emma Marrone (© LaPresse)

Grande attenzione bisogna porre, però, anche sugli ex talenti di Amici, da sempre ‘pericolosissimi’ a Sanremo. Se la tentazione Emma è molto forte ma non consigliabile (sulla sua fedelissima fan-base non ci sono dubbi, ma negli ultimi anni la cantante pugliese ha faticato sempre ad imporsi nelle zone alte della classifica), un occhio di riguardo dobbiamo averlo per il giovanissimo Sangiovanni e per Irama.

Il primo è, infatti, l’altra grande rivelazione del 2021 tra gli artisti giovani, insieme proprio a Blanco, e potrà quindi contare su una spinta straordinaria al televoto; il secondo non solo ha una fanbase importante, ma è anche rispettato dalla critica e ormai consacrato come Big agli occhi del resto del pubblico. Non a caso fin qui a Sanremo non ha mai deluso, chiudendo in top 5 persino lo scorso anno, nonostante abbia partecipato solo con il video delle prove, causa isolamento fiduciario. Le loro quote sono simili e si aggirano attorno al 10: potrebbe rivelarsi un ottimo investimento.

Per il resto, abbiamo in grande ascesa Dargen D’Amico, protagonista della prima serata e forte dell’appoggio social di Fedez e Chiara Ferragni, suoi cari amici. Puntare su di lui sarebbe, però, un errore. Se proprio fossimo tentati da una scommessa vera, dopo la prima esibizione c’è un nome su tutti che va consigliato con forza: La Rappresentante di Lista. La loro Ciao ciao è la canzone sanremese più virale di quest’anno, una sorta di erede di Musica leggerissima, e sembra costruita appositamente per le radio e l’Eurovision. La loro quota sta scendendo vertiginosamente ora dopo ora: meglio puntarci subito prima che sia troppo tardi.