Calcio: la drammatica notizia che tutti temevano purtroppo è arrivata

Altro terremoto nel calcio italiano. La notizia era già nell’aria ma ora è arrivata l’ufficialità: un’altra gloriosa squadra viene letteralmente cancellata dal panorama calcistico italiano.

Ora è ufficiale: un’altra gloriosa squadra di club, è stata esclusa dal panorama calcistico italiano. L’ennesima pagina vergognosa della storia dello sport più amato nel nostro Paese. Uno sport che tiene sempre meno in considerazione la passione dei tifosi. Che permette a squadre già in evidenti difficoltà di potersi iscrivere, rinviando ogni decisione fino all’ultimo e regalando solo illusioni a un popolo intero di tifosi. La notizia purtroppo era nell’aria, ed è arrivata in queste ore: uno storico club del nostro calcio è stato escluso dal campionato.

Palloni da calcio
Palloni da calcio (© LaPresse)

Mentre l’Italia del pallone si appresta ad assistere a un nuovo processo eticamente molto grave, quello contro le squadre che hanno aggiustato il proprio bilancio attraverso l’utilizzo di plusvalenze fittizie, c’è una squadra, magari meno blasonata, ma molto amata, che dice addio, almeno per ora, al mondo del calcio.

Una squadra che rappresenta una città calorosa, una tifoseria appassionata, un pezzo di storia del nostro sport. Una compagine che solo pochi anni fa, sembrava definitivamente essersi rialzata, stabilizzandosi su basi solide, solidissime. Una squadra che coraggiosamente stava lottando il Serie C per sopravvivere, andando oltre i problemi economici. E che ora, invece, si trova ad essere nulla più di un ricordo. Una squadra che risponde, o rispondeva, al nome di Catania.

Leggi anche -> Juventus-Inter, che scandalo: Simone Inzaghi alza la voce

Il Catania è fallito: escluso dalla C

La decisione purtroppo era nell’aria, ed è stata ufficailizzata da pochissimo, in anticipo sul termine ultimo. La Lega Pro ha escluso dal campionato di Serie C il Catania, il cui esercizio provvisorio è stato dichiarato cessato. La società etnea è fallita ufficialmente, dopo la prima sentenza arrivata nel mese di dicembre. Da questo momento non esiste più. E in attesa di rinascere dalle proprie ceneri, diventa un’ennesima macchia nera e indelebili nella storia del nostro calcio.

Striscione pro Catania
Striscione pro Catania (© LaPresse)

Il calcio a Catania, nacque nel 1929 e dopo le prime fasi in cui non riuscì ad emergere, rinacque definitivamente nel 1946. Nel corso degli anni, trascorsi tra alti e bassi e giocati spesso da calciatori capaci di fior fior di giocate, il Catania ha scritto anche la storia, del calcio italiano. A Catania, e al suo storico stadio Cibali, succedevano cose clamorose, come gridava Sandro Ciotti tanti anni fa. Ora di clamorosa c’è solo l’onta per un fallimento che avrebbe dovuto essere evitato, per il rispetto di tutti coloro che amano la città e amano questo sport.

Potrebbe interessarti -> Ancora razzismo in Serie A, ma perché stavolta se ne è…

Per ora non resta che ricordare le gesta del Catania, soprattutto di quello degli anni recenti di Pulvirenti, che in Serie A aveva fatto faville lanciando la carriera di campioni del calibro di Giuseppe Mascara, Mariano Andujar, Pablo Ledesma, Juan Manuel Vargas, Takayuki Morimoto, Mariano Izco, Gionata Spinesi, Gonzalo Bergessio, Alejandro Papu Gomez, Pablo Barrientos, Maxi Lopez e tanti altri calciatori che hanno dato molto al calcio, diventando idoli dei tifosi e scrivendo pagine di storia che rimarranno nella nostra memoria a lungo, forse per sempre.