Conoscete il nuovo gioiello del Napoli, che voleva mezza Europa? Ecco chi è…

Il Napoli dopo la scoppola rifilata al Sassuolo, che ha sancito il ritorno dei partenopei in Champions, si regala il primo colpo di mercato all’altezza di quel palcoscenico: è in arrivo un gioiello proveniente dall’Est che ha stregato tutta l’Europa. Scopriamo insieme le curiosità sul nuovo acquisto della società di De Laurentiis.

Il Napoli di De Laurentiis e, con tutta probabilità, di Spalletti inizia a guardare al futuro e a pianificare la prossima stagione. Ancor prima di chiudere questo campionato, Giuntoli e il presidente partenopeo hanno chiuso il primo grande colpo, un regalo al tecnico toscano in vista della Champions. Si chiama Khvicha Kvaratskhelia ed è un piccolo campione tutto da scoprire.

Aurelio De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli (ANSA)

Un giocatore classe 2001 che ha già avuto diverse esperienze in carriera, mostrando tutte le sue qualità ma anche qualche difetto che starà al Napoli riuscire a correggere. D’altronde, su una cosa tutti sembrano essere d’accordo: l’attaccante georgiano ha grandissime qualità. Non a caso, il suo compagno di nazionale Zuriko Davitashvili, lo ha definito “il Messi della Georgia“.

Un paragone enorme, che in passato non ha portato fortuna a tanti altri giovani calciatori. Tuttavia, fin qui il georgiano è riuscito a sostenere la tensione, e lo dimostra anche la sua convocazione in Nazionale già dal 2019, giocando in gare importanti, e andando anche a segno, contro squadre del calibro della Spagna e la Svezia. Niente male per iniziare…

Leggi anche -> Napoli, dietrofront su Ciro Mertens? Sta prendendo quota un possibile rinnovo…

Kvaratskhelia è il nuovo colpo azzurro… ma come si pronuncia?

Inserito nella lista dei cinquanta calciatori più promettenti nel 2019, l’esterno d’attacco georgiano è finito fino a poco tempo fa nel mirino delle più grandi squadre europee, comprese alcune italiane, come Juventus e Milan.

Khvicha Kvaratskhelia
Khvicha Kvaratskhelia (fonte Instagram)

Figlio d’arte (il padre Badri è stato un attaccante di buon successo in Azerbaigian), in oltre 115 gare tra Nazionale e club ha messo a segno 23 gol e 26 assist, dimostrando di non essere un bomber implacabile ma di riuscire a vedere la porta con semplicità. D’altronde, anche il suo ruolo è già ben definito: destro naturale, preferisce giocare a sinistra per riuscire a calciare con il piede preferito, o al limite a imbucare per i compagni.

Potrebbe interessarti -> Milan, pronto il colpo di mercato: il talento sarà rossonero

Ma la cosa che tutti si chiedono, più ancora delle sue caratteristiche, è un’altra: come si pronuncia il suo nome? In effetti è uno dei calciatori dal nome più difficile tra quelli che sono arrivati nel nostro campionato negli ultimi anni. La pronuncia corretta dovrebbe essere “Kuicia Cuaratskelia”, con le “k” aspirate. La sensazione è però che bisognerà aspettare il suo arrivo a Napoli per scoprire il suo vero nome e anche il suo soprannome ufficiale. Per ora, il presidente lo ha già ribattezzato “Zizì“.