Real Madrid: Carlo Ancelotti svela il segreto del gesto che ha stupito tutti…

Carlo Ancelotti torna sui festeggiamenti per la vittoria della Liga con il suo Real Madrid e sulla già iconica fotografia che lo vede protagonista di un gesto che ha stupito tutti…

Il più grande allenatore di tutti i tempi? Per i tifosi del Real Madrid non c’è alcun dubbio: Carlo Ancelotti. O meglio, Don Carlo. Un tecnico amato dai giocatori, idolatrato dai supporter e in grado di mettere tutti d’accordo, l’anima più calda delle tribune del Bernabeu e le alte sfere delle merengue, quelle che non puntano solo a vincere, ma a dominare.

Nelle ultime settimane l’ex allenatore del Milan ha fatto il pieno di emozioni: ha vinto la Liga, ha eliminato in maniera clamorosa il City dalla Champions e si è fatto fotografare anche con un bel sigaro in bocca. Ma qual è il segreto che si nasconde dietro quello scatto? Lo ha spiegato lo stesso Carletto in un’intervista.

Carlo Ancelotti con un sigaro
Carlo Ancelotti fuma il sigaro con i calciatori del Real (Instagram)

In effetti, quell’immagine di Ancelotti in versione boss della mala cubana aveva fatto scalpore e strappato un sorriso negli appassionati di calcio di tutto il mondo. Quasi quanto la foto da novello James Bond insieme a De Laurentiis di qualche stagione fa. Inusuale è infatti poter vedere Ancelotti in questa veste più ironica e giocherellona.

Certo, non si può definire l’ex allenatore dell’Everton un tecnico “musone”, uno di quegli allenatori che un sorriso, forse, lo mostrano dopo un 5-0, come i vari Sarri, Mazzarri o Simone Inzaghi. Tuttavia, Ancelotti ha fatto dell’equilibrio e della tranquillità il suo marchio di fabbrica. Si definisce leader calmo, e lo è a tutti gli effetti. Per questo motivo la foto con un sigaro in bocca ha destato tanta sorpresa nei suoi fan. Ma dietro a quel semplice scatto c’è un gran segreto, forse la vera ragione dei suoi enormi successi in questa stagione…

Leggi anche -> Ecco il segreto che ha portato il Real e Ancelotti all’ennesima…

Carletto e il mistero del sigaro

I risultati ottenuti fin qui in stagione dal suo Real sono sotto gli occhi di tutti. Ancelotti ha riportato la squadra più titolata al mondo sul tetto di Spagna da assoluto dominatore, senza rivali, complice una prima parte di stagione tribolata da parte del Barcellona. Il suo meglio lo ha però mostrato in Europa. In Champions, seppur con un pizzico di buona sorte, è riuscito nell’impresa di eliminare il City di Guardiola con due gol in due minuti al 90esimo, mettendo a segno un colpaccio che rimarrà negli annali.

Carlo Ancelotti lanciato dai calciatori
Carlo Ancelotti lanciato dai calciatori del Real (ANSA)

Un’impresa che nasce proprio da lì, da quella foto con occhiali da sole e sigaro, dietro alla quale c’è tutta la filosofia che muove il lavoro di allenatore-gestore di Ancelotti. Una foto che ha un segreto, svelato apertamente dal tecnico ai microfoni di Prime: “Io non sono abituato a fumare il sigaro, ma l’ho fatto come tra amici“.

Potrebbe interessarti -> Ancelotti shock: il Real vince ancora ma il tecnico di Reggiolo…

Ed è qui che tutto si risolve, in un’unica parola: “amici”. La base dei successi di Ancelotti è in questo rapporto speciale che riesce a costruire con i suoi calciatori, che non sono dei suoi sottoposti, ma delle persone con cui si rapporta da pari a pari, perché a loro vuole “un bene dell’anima“. Un sentimento che viene poi ripagato da prestazioni oltre ogni limite. Potrà sembrare banale, o fin troppo semplice, ma a volte è anche così che nascono le vittorie, senza perdersi in arzigogoli tattici che, se messi in campo alla perfezione, possono portare invece a delle autentiche disfatte.