Che duetto ragazzi: difficile trovare due più forti di loro – VIDEO –

Tra le coppie che hanno fatto la storia del calcio, ce ne sono alcune che non possono essere superate e che rimangono nel cuore di tutti i tifosi anche tanti anni dopo la loro separazione: come questo incredibile duetto difensivo.

Un duetto da brividi, molto più di quello messo in scena all’Eurovision tra Mahmood e Blanco. Ci sono coppie che nel mondo del calcio sono riuscite a entrare nella storia come nessun altro, sono riuscite a far battere il cuore dei tifosi al punto da rimanere, anche a distanza di anni e decenni, dei veri e propri idoli insuperabili. Come quella che è stata protagonista di un clamoroso siparietto a San Siro.

Maldini, Nesta, Kaka, Flamini
Maldini, Nesta, Kaka, Flamini (ANSA)

La coppia in questione è quella formata da Maldini e Nesta. Due dei difensori più forti della storia, calciatori che insieme hanno sollevato trofei a non finire. Basta guardare le loro bacheche: due scudetti, una Coppa Italia, due Supercoppe italiane, due Supercoppe Uefa, due Champions League e una Coppa del mondo per club.

Successi uno dopo l’altro e un affiatamento clamoroso sul campo e fuori, al punto da far immaginare che, chissà, anche oggi magari potrebbero riuscire a combinare qualcosa di buono in alcune squadre, alle prese con attaccanti forse meno forti rispetto a quelli affrontati durante le loro carriere. E chissà che questa “reunion” non possa far rinascere in loro la voglia di scendere in campo.

Leggi anche -> Milan, altro colpo per la prossima stagione: i dettagli

Il Milan è tornato a sognare, con il duetto da favola

Il siparietto, simpatico e anche commovente per i più nostalgici, è andato in scena a bordo campo poco prima di Milan-Atalanta, la gara che, probabilmente, ha consegnato lo scudetto alla squadra allenata da Stefano Pioli.

Maldini, Adriano, Nesta
Maldini, Adriano, Nesta (ANSA)

Intervistato in esclusiva per il canale televisivo ufficiale del club, l’ex allenatore di Perugia e Frosinone ha salutato in diretta due dei suoi compagni. Prima, in maniera piuttosto rapida ma affettuosa, Massimo Ambrosini. Poi il suo grande capitano, Paolo Maldini, l’uomo della provvidenza, forse il vero artefice di quello che sarà lo scudetto più incredibile nella storia recente del Milan.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by AC Milan (@acmilan)

Immagini non adatte ai cuori deboli, a chi pensa che la squadra rossonera si sta avviando a conquistare lo scudetto con una coppia formata da Tomori e Kalulu, subentrato in corsa all’infortunato Kjaer. Giocatori forti e promettenti, ma che paragonati a mostri sacri come Maldini e Nesta sembrano davvero poca roba.