Calcio e arbitri: cambiano ancora le regole della VAR

Arbitri e Var: cambia ancora tutto. A partire dal prossimo campionato, potrebbero esserci delle grosse novità che cambieranno, in maniera sostanziale, le “regole del gioco” 

Anche la scorsa stagione, per quel che riguarda il settore arbitrale e la Var, è stata tutt’altro che scevra da polemiche. Tali polemiche hanno finito di nuovo per creare ancora una volta malumori in diverse società e altrettanto hanno fatto in alcune tifoserie. La strada per trovare un equilibrio è ancora lunga, ma il mondo arbitrale dimostra di non essere indifferente al problema. Anche per il prossimo campionato ci saranno cambiamenti e novità, con la speranza di limitare al massimo gli errori. Il sistema, infatti, non è esente da sbagli grossolani, che spesso dipendono dalle decisioni degli arbitri, ma anche da un regolamento interpretabile e quindi esposto diversità di giudizio. Il supporto tecnologico mira a diventare più facile da utilizzare e diretto.

var
Var, ancora cambiamenti: stavolta sarà tutto diverso (Ansa)

Vanno in queste direzioni le novità che il Corriere della Sera ha presentato. Già dalla prossima stagione dovrebbero essere introdotte delle novità importanti. Tra queste la presenza di specialisti ai monitor e il tanto discusso fuorigioco automatico. Attualmente in sala Var ci sono gli arbitri di campo che vanno a rotazione, ma presto potrebbero arrivare dei “varisti” specializzati. “Se l’arbitro al Vari porta lo stesso atteggiamento che ha in campo, sbaglia”, aveva sentenziato il designatore Gianluca Rocchi.

Var, due importanti cambiamenti in arrivo anche in Serie A

L’introduzione di specialisti in Sala Var, quindi, è il primo grande cambiamento. La seconda novità riguarda il fuorigioco automatico: questo aggiornamento arriva dalla Fifa e dovrebbe essere utilizzato già nei Mondiali in Qatar. Si tratta di un software che rileva in tempo reale e in modo totalmente automatico il fuorigioco, determinando la posizione dei calciatori in campo con dei sensori. In questo modo l’offside sarà valutato in modo immediato, esattamente come accade per il “gol-non gol”, ossia se la palla oltrepassa del tutto la linea di porta.

Mourinho contro gli arbitri
Mourinho contro gli arbitri (ANSA)

Questo automatismo annullerebbe le lunghe visioni dei filmati e la valutazione della squadra Var su quei pochi centimetri che determinano se un giocatore è in fuorigioco o meno. Si parla anche della visione degli episodi discussi sui grandi schermi degli stadi (ma è più concreta all’estero), mentre per il cosiddetto “Var a chiamata”, una sorta di “challenge”, i tempi sono prematuri. L’Ifab, che stila i regolamenti del gioco del calcio, ritiene questa opportunità ancora lontana dal concretizzarsi.