Formula 1: il pilota cinese Zhou salvo grazie all’Halo…ma che cos’è?

Formula 1: Guanyu Zhou, pilota dell’Alfa Romeo, si è salvato la vita nell’incidente del GP di Silverstone grazie al sistema di protezione Halo. Tutti i dettagli.

L’Halo, la protezione sopra il casco dei piloti di Formula 1, ha probabilmente salvato la vita a Guanyu Zhou nel corso del Gran Premio di Silverstone domenica scorsa in Gran Bretagna.

Guanyu Zhou
Guanyu Zhou (Instagram)

Pochi metri dopo la partenza l’Alfa Romeo guidata dal campione cinese si è ribaltata strusciando per diversi metri sull’asfalto in direzione delle barriere ad altissima velocità. Un incidente spaventoso che ha distrutto anche la roll bar, vale a dire la protezione verticale utile a salvare la vita dei piloti in caso di ribaltamento dell’auto.

Grazie all’Halo, Guanyu si è salvato senza riportare alcuna frattura. Nel corso degli ultimi anni, si sono fatti importanti passi in avanti dal punto di vista della sicurezza delle monoposto in Formula 1.

Negli anni ’50, per sette anni, Manuel Fangio riuscì a conquistare cinque titoli mondiali in F1. In quegli anni persero la vita trentacinque piloti.

Leggi anche -> Inter: la promessa dell’attaccante, stupisce tutti. Che colpo per Inzaghi

Formula 1, come è fatto il dispositivo salva piloti Halo

Qualche anno fa arrivò l’Halo, un sistema di protezione che inizialmente ricevette alcune critiche. Infatti alcuni addetti ai lavori lo criticarono dal punto di vista estetico.

Guanyu Zhou
Guanyu Zhou (Instagram)

In particolare Niki Lauda dichiarò che l’Halo snaturava l’essenza stessa delle auto da corsa. Fu scettico anche Lewis Hamilton che lo definì “la peggiore modifica nella storia della Formula 1“.

Tuttavia quest’ultimo fece marcia indietro a fronte dei vantaggi per la sicurezza e addirittura si lamentò per la mancata adozione nella seguente stagione 2017.

Infatti, stando a una simulazione compiuta dalla FIA, usando dei dati di quaranta incidenti reali, l’utilizzo del sistema ha portato a un incremento del diciassette percento del tasso di sopravvivenza dei piloti.

L’Halo è costituito da una staffa attorno al casco dei piloti, simile a un’aureola, legata in tre zone all’auto. Il suo peso è di nove chilogrammi. È realizzato in titanio Grado 5 (materiale usato di solito all’interno dell’industria aerospaziale) per reggere un peso di 12mila chilogrammi verticale e laterale.