Non per tutti i milanisti la festa scudetto è stata una vera festa – VIDEO –

Una festa scudetto molto particolare per il Milan al Mapei Stadium: nel giorno del ritorno al tricolore per i rossoneri, abbiamo potuto assistere a scene di violenza apparentemente priva di senso e motivazione.

Sono passati mesi, ma le immagini della festa scudetto del Milan sono ancora bene impresse negli occhi non solo dei sostenitori rossoneri, ma anche di tutti gli appassionati di calcio. Dopo oltre dieci anni, la squadra milanista, guidata da Pioli e da un super Rafael Leao, è riuscita a trionfare in maniera meritata, vincendo il campionato italiano. Tuttavia, non abbiamo assistito solo a cose bellissime in quei giorni, ma anche a scene davvero tremende che ci hanno riportato a momenti in cui la violenza negli stadi era all’ordine del giorno.

Tifosi del Milan
Tifosi del Milan (ANSA)

Sappiamo bene che nel mondo del calcio e delle curve esistono delle dinamiche particolari, che restano un vero mistero per il resto delle tifoserie e degli appassionati. Perché gli ultras hanno un codice loro, vivono secondo regole che si sono scritti e imposti da soli, in autonomia, seguendo determinati valori e obiettivi.

In quest’ottica, un tifoso non può comportarsi in un certo modo se non è previsto dal loro canovaccio. O almeno questo è sembrato il senso di alcune scene che hanno inorridito l’opinione pubblica, diventando di pubblico dominio non solo sui social, ma anche sui principali media mainstream.

Leggi anche -> Mercato Milan: pronto l’assalto al colpo da capogiro

Il video dei tifosi del Milan che ha creato scandalo

Festeggiare è lecito, ma utilizzare violenza per impartire “una lezione” non è accettabile, in alcun modo, anche se si entra nelle dinamiche del tifo da stadio. Quanto visto negli scorsi mesi durante i festeggiamenti del Milan ha creato scandalo, e ancora oggi è oggetto di dibattito tra tifosi sui social. Una cosa del genere non si era forse mai vista…

Tifosi del Milan al Mapei Stadium
Tifosi del Milan al Mapei Stadium (ANSA)

Il riferimento è ovviamente alle scene che hanno visto alcuni esponenti dei gruppi delle curve prendere a schiaffi sul volto, sulla schiena e sul collo, in maniera violenta, alcuni tifosi del Milan durante i festeggiamenti dell’ultima gara dello scorso campionato, al Mapei Stadium di Reggio Emilia. La loro colpa? Aver fatto invasione di campo rovinando i piani preparati dai gruppi organizzati.

Immagini che sono piuttosto oggettive e inaccettabili. E non solo per il clima di festa, parzialmente rovinato, ma perché scene di violenza non possono più essere accettate nel mondo del calcio e dello sport in generale, se si vuole sperare di attirare di nuovo i giovani e avvicinarli a questo splendido gioco.