Che carattere: Conte lancia gli Spurs, all’assalto della Premier League

Antonio Conte si è certamente guadagnato la fama di allenatore vincente, i suoi risultati parlano per lui, ha riportato la Juventus ad altissimi livelli, ha giocato un buonissimo europeo con una Nazionale Italiana non certo di primo piano. Successivamente ha vinto la Premier League alla guida del Chelsea e di nuovo lo Scudetto in Italia, portando l’Inter alla vittoria dopo molti anni. La nuova sfida iniziata lo scorso Gennaio si chiama Tottenham e Conte sicuramente vorrà dare ancora credito alla sua fama. 

Quando il Tottenham ha scelto Conte, i tifosi degli Spurs sapevano bene che sulla loro panchina andava a sedersi un tecnico di primissimo piano. Le aspettative di fan e dirigenza, malgrado nello stesso campionato giocassero squadre del calibro di Chelsea, Liverpool, City, United erano altissime. Il tecnico pugliese però è un uomo di carattere e quando le sfide si fanno ardue, non è certo tipo da farsi intimorire.

La sfida che lex CT della nazionale ha deciso di accettare decidendo di guidare il Tottenham, non è stata certamente una delle le più facili della sua carriera; la squadra di Londra era in crisi e veleggiava solo al settimo posto della Premier. Conte però, dopo un paio di partite di assestamento, aveva subito rimesso la squadra sui binari giusti ed ha portato il Tottenham in Champions League dopo una sola stagione.

Antonio conte
Antonio Conte in panchina/LAPRESSE

Per l’ex CT è l’anno della verità è l’anno della verità

Sarà sicuramente un anno impegnativo per Antonio Conte. Per certi versi infatti, malgrado l’ottimo quarto posto della scorsa stagione, quest’anno l’asticella si alza per forza di cose e quindi la stagione 2022-2023 sarà probabilmente una delle annate più impegnative della sua carriera. Malgrado la campagna acquisti abbia rinforzato e non poco, la squadra, il suo Tottenham non parte certo tra le favorite per la vittoria finale. 

Sicuramente Conte dovrà lavorare duramente se vuole che il suo progetto abbia successo.

le dichiarazioni di Conte, preoccupano Klopp e Guardiola

Tottenham
Gli spurs esultano sotto la curva /ANSA

Conte sa bene che la stagione sarà in salita, ma è altrettanto consapevole che già altre volte, nell’arco della sua carriera, ha dimostrato che le sfide dure, lo affascinano e proprio tramite quelle, riesce ad esaltarsi, tirando fuori il massimo dai calciatori che ha a sua disposizione.

L’ex CT comunque non ama fare proclami e alla sua gente predica comunque calma: “Non dobbiamo diventare arroganti e pensare che in 7 mesi abbiamo ridotto un gap che esiste da tantissimo tempo. Klopp lavora da sette anni al Liverpool ed è supportato dalla società, poi c’è Guardiola, il Chelsea…”.

Così facendo ha sicuramente allentato la pressione almeno per quello che riguarda i media, ma Conte lo conosciamo tutti e aspettando ulteriori rinforzi, (Zaniolo piace moltissimo). Non lascerà tregua ai suoi calciatori puntando a migliorare il quarto posto dello scorso anno.