Inter, l’ex nerazzurro rivela: “Ci siamo accordati in due giorni”

Nel corso di un’intervista, l’ex top player dell’Inter ha rivelato un retroscena riguardo l’accordo trovato con il suo attuale club. Le sue dichiarazioni.

In casa Inter sono giorni di preparazione in vista della prima giornata di campionato. Infatti tra pochi giorni avrà inizio la Serie A della stagione 2022/23. La squadra nerazzurra allenata dal tecnico Simone Inzaghi scenderà in campo sabato 13 agosto alle ore 20.45 allo stadio Via del Mare contro il Lecce guidato dall’allenatore Marco Baroni.

Inter
Inter (Instagram)

Allo stesso tempo in questi giorni si continua a parlare di calciomercato. Nel corso di questa sessione estiva, gli uomini mercato del club nerazzurro hanno messo a segno diversi importanti colpi. Stiamo parlando di Raoul Bellanova, Kristjan Asllani, Romelu Lukaku, Henrikh Mkhitaryan e Andre Onana.

In uscita però la società nerazzurra ha dovuto dire addio a un top player. Si tratta di Ivan Perisic, che ha lasciato i nerazzurri al termine del proprio contratto. L’esterno offensivo ha firmato con il Tottenham, allenato dall’ex tecnico nerazzurro, Antonio Conte.

Leggi anche -> Mercato: Dries Mertens ha scelto il suo futuro lontano dalla Serie A

Inter, l’ex top player nerazzurro svela i retroscena sull’intesa con il suo attuale club

Ebbene, nel corso di un’intervista rilasciata a Sky Sports UK, il croato ha parlato dei primi contatti con gli Spurs. “Il primo contatto con il Tottenham credo sia stato a marzo. Il secondo, invece, ad aprile, quando il posto nei primi 4 sembrava cosa fatta dopo la vittoria contro l’Arsenal. Voglio giocare in Champions e ho sempre desiderato avere l’opportunità di cimentarmi in un campionato come la Premier. Dopo che la squadra ha chiuso al quarto posto, ci siamo accordati in due giorni, è stato molto semplice“.

Inter
Inter (Instagram)

Riguardo invece al cambio di assetto da quello di Inzaghi a quello di Conte, Perisic ha dichiarato. “Con Conte ho cambiato posizione: all’inizio ho avuto bisogno di un po’ di tempo per adattarmi, si trattava di qualcosa di completamente nuovo dopo tanti anni da esterno offensivo, ma credo di aver fatto bene“.

Quindi l’esterno offensivo ha aggiunto. “In particolar modo lo scorso anno con Inzaghi, che ha mantenuto lo stesso assetto tattico. Ora questo ruolo mi piace: tocco di più il pallone, mi ritrovo più spesso davanti alla porta e mi piace anche aiutare la difesa. Anche quest’anno penso che giocherò a sinistra, ma dipende dal mister. Se ha bisogno di me altrove, sono pronto ad accettare“.