Bologna, Mihajlovic si lascia andare dopo l’esonero: “Non capisco”

L’ormai ex allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic parla del suo esonero con una lunga lettera. Tanti ringraziamenti, ma anche uno spunto polemico sul motivo del suo allontanamento dalla panchina dei rossoblu

Tre pareggi e due sconfitte dopo cinque giornate di campionato, e una posizione in classifica decisamente pericolosa. Di certo non è un’ottima partenza per il Bologna, ma nessuno si aspettava l’esonero di Sinisa Mihajlovic, almeno non così presto. Vero che le cose non stavano andando bene, ma forse l’allenatore avrebbe meritato almeno un’altra giornata di tempo: anche perché i felsinei dovranno affrontare la Fiorentina, non proprio una big del campionato (a maggior ragione perche sta vivendo un momento non facile).

mihajlovic
Bologna, Mihajlovic getta la maschera dopo l’esonero: “Non capisco” (Ansa)

Ovviamente, sulla notizia dell’esonero pesa la situazione di salute di Mihajlovic. Il tecnico serbo combatte contro la leucemia, e quindi il suo allontanamento ha generato emozioni particolari. Non solo per i tifosi del Bologna, ma per tutti gli sportivi. Si tratta di un uomo che sta lavorando in condizioni fisiche e psicologiche particolari: per questo l’esonero è sembrato un atto un po’ troppo severo, soprattutto perché arrivato così presto e con una classifica negativa ma non disastrosa. In ogni caso ormai il dado è tratto: Mihajlovic sarà costretto ad aspettare la prossima stagione per una panchina in Italia, ma all’estero potrebbe andare subito.

Mihajlovic rammaricato per l’esonero: “Faccio fatica a pensare che dipenda solo dagli ultimi risultati”

Di certo si dedicherà con meno stress alla propria salute, e la speranza è di vederlo in piena forma a partire dalla prossima estate, quando molto probabilmente tornerà in panchina. Intanto, l’allenatore ha scritto una lunga lettera ai suoi tifosi, pubblicata dalla Gazzetta dello sport. “Un’avventura che non è stata solo calcio, non è stata solo sport – ha scritto il serbo – Non dimenticherò mai gli incoraggiamenti nei miei confronti dei nostri supporters. Qualunque maglia vestirò, non sarò un avversario ma uno di Voi”.

Mihajlovic Bologna
Mihajlovic Bologna (LaPresse)

L’ex allenatore del Milan non ha però nascosto il dispiacere per il suo esonero: “Non lo capisco. Faccio fatica a pensare che dipenda solo dagli ultimi risultati”. Mihajlovic non va oltre, ma lascia intendere che i motivi del suo allontanamento (licenziamento è un termine improprio, visto che resta sotto contratto) siano di natura diversa dai soli risultati sportivi.