La Regina Elisabetta II e lo sport: dall’equitazione alla passione incredibile per il calcio

La regina Elisabetta II è stata anche la regina dello sport: protagonista in prima persona in alcune specialità, ha sempre rispettato anche il calcio. La squadra del suo cuore? Non la indovinerai mai…

Una delle donne più importanti dello scorso secolo, la regina britannica più longeva di tutti i tempi, si è spenta all’età di 96 anni nella giornata di giovedì 8 settembre. Elisabetta II ha avuto un significato straordinario per milioni di persone durante tutta la sua vita, e non solo per i suoi amati sudditi. La sua influenza è stata fin da subito visibile in politica, ma anche in altri aspetti della vita, come la musica e lo sport. Sapevi, ad esempio, che è stata una grande campionessa in uno sport olimpico?

Conosci qual’era la sua squadra del cuore? Ecco tutto quello che non sospettavi su una delle sovrane più amate di sempre…

Regina Elisabetta II scommesse.online 20220908
Regina Elisabetta II (LaPresse)

Il calcio è uno degli sport più seguiti nel Regno Unito, ma non è stato quello praticato dalla regina durante la sua gioventù. In passato la regina Elisabetta è stata infatti una grande cavallerizza. Una passione, quella per l’equitazione, che non l’ha mai abbandonata, al punto da farla diventare in età più avanzata Presidente della federazione internazionale di equitazione.

Oltre che simbolo dell’equitazione a livello internazionale, Elisabetta è però ricordata da tutti gli amanti dello sport anche come la donna delle sette Olimpiadi, tra estive e invernali. La sua storia olimpica è iniziata nel 1948 quando, ancora bambina, presenziò ad alcuni eventi dei Giochi di Londra. Quattro anni più tardi salì al trono, ed a quel momento nel suo Regno, considerando l’intero Commonwealth, quindi anche Canada e Australia, ha potuto presiedere ben sei edizioni dei Giochi: Melbourne 1956, Montreal 1976, Calgary 1988, Sydney 2000, Vancouver 2010 e Londra 2012.

Leggi anche -> Fantastica Sofia: il suo argento alle Olimpiadi emoziona il mondo

Ma la regina è anche l’unico Capo di Stato ad oggi ad aver aperto due edizioni delle Olimpiadi in due Paesi diversi, il Canada nel 1976 e il Regno Unito nel 2012. Un record difficilmente battibile.

La squadra del cuore di Elisabetta II

Se il calcio è uno sport popolare, in tutti i sensi, va detto che la casa di Windsor non ne è rimasto del tutto estraneo. Vero che spesso i reali preferiscono farsi vedere a Wimbledon piuttosto che a Wembley, ma tutti conservano nel cuore il tifo per una delle tante squadre inglesi, oltre che per le rappresentative nazionali britanniche. Anche la stessa regina ha sempre avuto una predilezione per un club in particolare. Quale? Un piccolo indizio: è una squadra di Londra…

Arsenal West Ham scommesse.online 20220908
Arsenal West Ham (LaPresse)

Niente Chelsea, niente Tottenham: la squadra che maggiormente ha fatto battere il cuore, sempre con garbo, della regina è stata l’Arsenal. Anche le la sovrana non ha mai nascosto anche una certa simpatia per il West Ham.

Potrebbe interessarti -> Mercato: l’Arsenal pesca ancora dal City di Guardiola

A dimostrazione di questa passione, mai nascosta seppur non esibita nemmeno con manifestazioni di grande entusiasmo, c’è un episodio che non molti ricordano. I Gunners sono stati gli unici a essere ricevuti da lei a Buckingham Palace, nell’ormai lontano 2007. Pare che nella circostanza Her Majesty fosse rimasta particolarmente colpita da un giovane giocatore: Cesc Fabregas.