In Europa gli arbitri tedeschi non ci amano e anche Sarri ci va giù duro

Giovedì sera in Europa League, la Lazio di Sarri ha pareggiato per 2 a 2 contro gli austriaci dello Sturm Graz. Questo però è avvenuto dopo aver giocato per ben 45 minuti in dieci uomini, a causa di un espulsione incredibile, decretata dall’arbitro tedesco Stegemann alla fine della prima frazione di gioco. L’episodio ha mandato Sarri su tutte le furie e a fine gara, il tecnico biancoceleste si è fatto sentire e non le ha mandate di certo a dire…

Nonostante l’abbia già vinta con il Chelsea, a Maurizio Sarri la nuova formula dell’Europa League sembra proprio non andare giù. L’allenatore della Lazio si è sempre lamentato del calendario affollato e della difficoltà nel far rendere al meglio la sua squadra nelle due competizioni. Lamentele dovute al riposo limitatissimo che hanno le squadre, tra una gara e l’altra, problematica che, se la competizione venisse svolta di martedì o mercoledì, come avviene per la Champions, non si verificherebbe. Le polemiche del tecnico di Figline però stavolta, non si sono limitate a quello.

Sarri di nuovo contro gli arbitri

In questa stagione infatti, Mau è particolarmente infervorato contro gli arbitri e spesso ne ha ben donde. Sono state tantissime infatti, sia le critiche che il tecnico toscano ha rivolto ai direttori di gara italiani, che quelle rivolte a quelli stranieri.

sarri
Sarri nuovo attacco agli arbitri (Ansa)

Il responsabile degli arbitri: “non siamo la mafia”

Per quel che riguarda l’Italia, la risposta del responsabile del settore arbitrale, probabilmente toccato nel vivo dal mister biancoceleste è stata lapidaria: “Non siamo la mafia”, ma che bisogno c’era di usare una frase del genere se si sentiva in difetto? Di sicuro il rapporto dei 2 tecnici romani, con i direttori di gara italiani, non è mai stato idilliaco, visto che anche l’allenatore dell’altra squadra capitolina, è stato spesso pesantemente critico con tutto il settore arbitrale, ma visto quanto avvenuto giovedì, la cosa non si limita all’Italia…

Una Lazio in 10 pareggia contro lo Sturm Graz, a causa di un espulsione incredibile

Dopo la gara di Europa League della Lazio contro lo Sturm Graz infatti, il tecnico toscano è di nuovo entrato in tackle sui direttori di gara e lo sfogo stavolta, è arrivato a soli due giorni da quello avuto anche da Pioli, nel dopo gara di Milan-Chelsea. Per la cronaca, la gara della Lazio è terminata 2-2, con la Lazio che ha dovuto giocare in dieci uomini per tutto il secondo tempo, a causa dell’incredibile espulsione di Manuel Lazzari. E’ stato proprio questo l’episodio, che ha mandato su tutte le furie l’allenatore, che nel dopo partita ha attaccato duramente il direttore di gara.

Sarri: l’arbitro tedesco “non è stato all’altezza”

Milinkovic-Savic e Sarri
Milinkovic-Savic e Sarri (ANSA)

“L’episodio del rosso a Lazzari fa parte di un contesto di gara in cui l’arbitro ha fatto arrabbiare tutti, non è stato all’altezza. Purtroppo ne abbiamo pagato le spese noi: avevamo fatto un buon primo tempo andando in vantaggio – ha spiegato il tecnico nel dopo partitaL’inferiorità è durissima giocando ogni tre giorni. Bella prestazione anche a livello caratteriale, dispiace sicuramente per il risultato”. Difficilmente questa volta arriverà la replica del capo degli arbitri europeo, ma sicuramente Sarri ha dato voce per la seconda volta in una settimana, a quello che è il malcontento generale delle squadre italiane, che questa settimana ne hanno davvero subite di tutti i colori.

La Lazio intanto si ritrova ingiustamente a pari punti, con le altre tre squadre del girone e ha comunque ancora in mano la qualificazione, ma senza una vittoria nel prossimo turno, diventerà tutto molto complicato, mancando soltanto due partite al termine della fase a gironi.