I tifosi sono preoccupati: cosa sta succedendo allo Special One?

I tifosi della Roma sono seriamente preoccupati per l’inizio di stagione a dir poco balbettante della loro squadra e non riescono a spiegarsi cosa sta succedendo al loro Special One…

Spesso quello che avviene nello sport ricalca un po quello che accade nella vita di tutti i giorni e questo, un allenatore come lo “Special One” Mourinho, lo sa bene. L’allenatore della Roma ha esperienza da vendere e sa bene che quando si guida una squadra, è difficile che fili sempre tutto liscio. In alcune situazioni può essere colpa della sfortuna, in altre può essere colpa degli arbitri e in’altre ancora può essere colpa del campo o degli avversari, ma spesso le colpe, anche se magari non lo si vuole ammettere, sono anche le proprie, se le cose non vanno come dovrebbero…

Ha perso il tocco magico
Allenatori più vincenti di lui? I numeri sono impietosi (canva) – scommesse.online

Il passato glorioso degli anni del Porto o dell’Inter del triplete sembra ormai lontanissimo e non basta una coppa di scarsissimo valore come la Conference League, che si gioca per lo più tra le seste e le settime classificate ,dei maggiori campionati d’Europa, a giustificare un ingaggio come quello che percepisce il portoghese a Roma. Sembrano lontani anni luce i fasti di una decina di anni fa e la gente romanista se ne sta pian piano rendendo conto.

Lo Special One ha trionfato in 4 nazioni differenti

Anche se sei un allenatore che ha trionfato in quattro nazioni differenti infatti, alla fine devi fare il conto anche con i risultati del momento e malgrado tu abbia vinto tutto quello che c’era da vincere a livello continentale, vedono che non riesci più fare la differenza. I tifosi si rendono conto che non sei più in grado di imprimere ai tuoi giocatori quella verve, quella forza, quelle motivazioni che ti avevano permesso di diventare il numero degli allenatori.

I tifosi infatti, hanno “le loro leggi” e anche se fino a ieri eri per tutti il numero uno, il tecnico da osannare, il maestro, il migliore tra i migliori, oggi devi prenderti le critiche a accettarle senza colpo ferire.

Lo “Special One” sta perdendo il suo “tocco magico” diciamolo pure e di questo purtroppo, se ne stanno accorgendo pian piano, anche i tifosi giallorossi. Di quell’allenatore che ha vinto tutto quello che era possibile vincere, che ha trionfato in Portogallo, Inghilterra, Spagna e Italia e che ha alzato 2 volte la Champions al cielo, non sembra esserci più traccia.

Mourinho ha smarrito il tocco magico

Con la Roma, Josè sembrava davvero poter avviare un ciclo vincente. Malgrado lo scarso gioco dimostrato infatti, dopo solo una stagione il portoghese aveva portato i giallorossi a conquistare la Conference League, sfiorando poi l’anno successivo, la terza Europa League della sua carriera, ma ora ai tifosi l’ “andarci vicino” non basta più e l’inizio di una stagione a dir poco deludente ha fatto il resto.

Cosa sta succedendo allo Special One?
I numeri di Mourinho in Italia sono impietosi: media punti bassissima (ansa foto) – scommesse.online

Dalla finale con il Siviglia infatti, per il giallorossi sono arrivate solo delusioni: due sconfitte brucianti con Verona e Milan ed un pareggio, tra l’altro casalingo contro una Salernitano che molto probabilmente, anche quest’anno lotterà per non retrocedere, sembra davvero poco. Per Mourinho non c’è mai stato un avvio di stagione peggiore e la sua Roma ora è addirittura in fondo alla classifica del campionato italiano. Cosa sta succedendo all’invincibile José?

Una speciale graduatoria rivela che, all’inizio della sua terza stagione in giallorosso, i risultati complessivi, dal suo ritorno in Italia, sono tutt’altro che edificanti. 76 partite disputate, con 36 vittorie, ben 24 sconfitte e 19 pareggi. Una media a partita molto misera di poco più di un punto: 1,61.

La classifica parla chiaro: sono 12 gli allenatori che a Roma hanno fatto meglio dello Special One

Cosa significa tutto questo? I dati sono impietosi. Se Mourinho ha riscritto la storia dell’Inter di Moratti con il triplete, nella Capitale non riesce a incidere e ben 12 allenatori che lo hanno preceduto in giallorosso hanno saputo fare meglio di lui. Eccola la graduatoria (stilata dalla Gazzetta) di chi, almeno per ora, ha decisamente lasciato il segno sulla panchina della Roma, molto più di quanto abbia fatto fin ora il tecnico portoghese. Accanto al nome di ogni allenatore c’è la media punti.

Classifica
La classifica della Gazzetta lo dice in modo chiaro: 12 allenatori della Roma hanno fin ora fatto meglio di Mourinho (instagram) – scommesse.online

Luciano Spalletti (2 punti)

Rudi Garcia (1,99 punti)

Claudio Ranieri (1.93 punti)

Eusebio Di Francesco (1,89 punti)

Fabio Capello (1.88 punti)

Herbert Burgess (1.86 punti)

Paulo Fonseca (1.74 punti)

Luis Carniglia (1.71 punti)

Sven-Göran Eriksson (1.69 punti)

Lajos Kovács (1.64 punti)

Luigi Radice (1.62 punti)

 Zdeněk Zeman (1.62 punti).

Naturalmente, Mourinho ha tutto il tempo e le capacità per ribaltare tutto. Con l’arrivo di Lukaku l’allenatore giallorosso, spera tanto di aver risolto gran parte dei suoi problemi offensivi. La Roma deve svegliarsi e ricominciare subito a vincere; Vedere la Roma in fondo alla classifica, anche se sono trascorse solo tre giornate dall’inizio del campionato, fa davvero male…