Striscione velenoso dei suoi ex tifosi: l’attaccante accusa il colpo

Il tradimento è stato grande e difficilissimo da accettare, così i suoi ex tifosi sono hanno pensato bene di comunicare all’attaccante il loro sdegno, con uno striscione a dir poco velenoso… 

Il filo sottile che intercorre tra amore e odio, nella vita di coppia, nelle amicizie, nei rapporti di lavoro, e naturalmente anche nello sport, non si può certo spiegare facilmente. Quando ci si è ama ma il sentimento non c’è più, la passione che sembrava esserci così come le promesse, si sciolgono come neve al sole.

Tifosi sul piede di guerra
Tifosi sul piede di guerra: ecco lo striscione shock contro l’ex – scommesse.online

Il mondo del calcio è costellato di storie “agrodolci” di campioni che hanno prima deliziato i propri tifosi gesta da annali del calcio che poi, dall’oggi al domani hanno finito con il promettersi alle rivali, arrivando addirittura a trasferirsi alla fine, in un club storicamente nemico.

Niente perdono: i tifosi nerazzurri esprimono la loro rabbia con uno striscione

Ci sono gesti e comportamenti che per i tifosi, quelli più appassionati, non conoscono la parola perdono e tanto meno trovano giustificazione nella insindacabile legge del Dio Denaro. E’ così che esplode la rabbia, è così che, da Milano, sponda Inter, una frangia di tifosi nerazzurri, decide di infrangere “le regole di confine” e piazza uno striscione contro un suo ex calciatore, addirittura a ridosso dello stadio Olimpico di Roma.

Stiamo parlando ovviamente della storia che ha riguardato il gigante belga Romelu Lukaku. Il belga nella scorsa stagione era in forza all’Inter, e i tifosi nerazzurri hanno sperato fino all’ultimo che la trattativa con il Chelsea, per riscattare il suo cartellino andasse in porto, ma purtroppo non è andata così e poco dopo l’amore si è subito trasformato in odio. Si perchè Lukaku, invece di provare in ogni modo, a tornare all’inter, appresa la notizia ha fatto dietro front e in men che non si dica, si era già promesso ai nemici della Juventus.

Lo striscione dei tifosi dell’Inter a due passi dall’Olimpico

Quando la notizia della trattativa con la Juventus uscì, i sostenitori dell’Inter e gli stessi compagni di squadra di Lukaku, stentavano a crederci. Mentre mister Inzaghi sperava di rivedere l’attaccante dal primo giorno di ritiro, l’ex bomber del Manchester United e della nazionale belga si era già promesso alla Juventus.

Striscione al veleno
Striscione al veleno: i tifosi interisti ancora contro Lukaku (instagram) – scommesse.online

Incredibile ma vero, da questo momento in poi scoppiava la bomba e l’Inter, come società, come staff tecnico, come spogliatoio, chiudeva senza mezzi termini le porte a Lukaku.

Inzaghi, con il suo solito savoir fair, voltava le spalle a Romelu dichiarandosi amareggiato e sorpreso dal suo comportamento, mentre i pilastri della squadra e della società, da Lautaro a Zanetti, non avevano certo parole di comprensione per “Big Rom”. E’ storia di oggi, recentissima, il dietro front della Juventus, il ritorno al Chelsea da elemento poco gradito, l’attesa di sistemazione e la trattativa lampo con la Roma.

Il Lukaku Day e l’euforia dei romanisti

Mourinho chiedeva di avere Romelu, esponendosi in prima persona, con i tifosi giallorossi letteralmente impazziti per l’arrivo dell’attaccante accolto come l’uomo della svolta, prima all’aeroporto di Ciampino e poi allo stadio Olimpico.

Lukaku Roma
Lukaku: la trattativa con la Juve, l’accordo con la Roma, storia di un amore infranto – scommesse.online

I sostenitori dell’Inter, però, non hanno ancora digerito “lo smacco” e sono arrivati a piazzare uno striscione a ridosso dell’Olimpico, firmato proprio dalla curva nerazzurra. Un messaggio breve, lapidario, perentorio: “Lukaku Infame”. Una frase che non ha bisogno di ulteriori commenti, il tradimento brucia ancora e non sarà perdonato.

Non manca molto, poi, ricordiamolo, alla partita del 29 ottobre, quella di San Siro, tra Inter e Roma: immaginate da voi l’accoglienza che riceverà Lukaku all’ingresso in campo con la maglia giallorossa.

Impostazioni privacy