Var, escono fuori gli altarini: ecco perchè è stato annullato quel gol

Gli errori possono essere commessi da chiunque Var compresa, ma alcuni pesano più degli altri e uno di questi è costato carissimo, ad uno degli allenatori migliori d’Europa…

La partita di sabato scorso tra Tottenham e Liverpool è stata anche palcoscenico di molti episodi. Come tutti sanno, durante la partita, è stato commesso un clamoroso errore da parte dell’arbitro, che ha erroneamente annullato un gol regolare del Liverpool, siglato dall’attaccante portoghese Luis Diaz.

Tottenham-Liverpool (Ansa)
Tottenham-Liverpool (Ansa)

Come ormai è consuetudine, nella giornata di martedì il PGMOL, ovvero la Commissione arbitrale della Premier League, ha diffuso la registrazione audio, dell’area Var, nel momento preciso dell’ evidente errore dell’arbitro Hooper.

Liverpool-Tottenham: cosa è successo in sala Var?

Dal momento che l’audio è disponibile e accessibile a tutti, il pubblico da casa si può godere e può capire cosa è effettivamente successo ma la risposta a questo quesito, è in realtà molto semplice. Si perchè si è trattato semplicemente di un vero e proprio “cortocircuito” di comunicazione. Purtroppo l’inconveniente ha portato il Var Darren England e Avar Dan Cook a confermare una decisione errata presa sul campo e la cosa divertente è che, da quello che emerge, gli uomini della sala Var, pensavano che sul campo il gol fosse stato confermato.

una sala var (Ansa) Scommesse.online
una sala var (Ansa) Scommesse.online

E’ stato il tecnico, ovvero l’addetto alle macchine e ai replay ad accorgersi subito dopo il patatrac del fatale errore. La scoperta però è stata comunque inutile perchè non c’è stato tempo per annullare la decisione. La partita infatti era ormai ripresa e non si poteva tornare più indietro, come previsto dal protocollo.

Il video inchioda i due tecnici

Nel video pubblicato si può vedere e sentire che una volta finita la revisione, è stata proprio la sala Var a dare l’ok all’arbitro, Simon Hooper, per far ripartire il gioco. Neppure un secondo dopo però il “replay operator” interviene di nuovo e chiede a tutti di aspettare. Proprio in quel momento Var e Avar si rendono conto del madornale errore, ma ormai è troppo tardi.

Chiaramente a seguito dell’accaduto il PGMOL ha chiesto scusa a tutti per l’errore, assicurando che si sat lavorando per fare degli interventi atti a migliorare velocemente le direttive e le procedure di comunicazione. Nel frattempo i vertici della Premier hanno sospeso i due tecnici di Var e Avar.

Impostazioni privacy