Delusione Ferrari: il pilota lo ha dovuto ammettere

Tifosi ferraristi preoccupati, la vittoria di Singapore è già un ricordo, ecco cosa ha ammesso il pilota di Maranello.

Singapore e poi di nuovo il buio. La Ferrari ha in realtà rappresentato in questa stagione di Formula 1 stradominata dalla Red Bull ed in particolare da Max Verstappen, una delle poche alternative alla noia di un campionato scritto sin dall’inizio, ma non c’è stato un seguito. Solo la Ferrari infatti, con Carlos Sainz, ha vinto un GP in questa stagione senza che lo facesse uno dei due uomini Red Bull, esaltando i tifosi.

Ferrari, ecco cosa ammette Sainz
Ferrari F1 (scommesse.online – Ansa foto)

Tutto però è tornato alla normalità quando in Giappone Leclerc e Sainz hanno fatto rispettivamente quarto e sesto ed ancor peggio, in Qatar la SF-23 dello spagnolo ha dato problemi ancor prima di partite, così Sainz non si è potuto nemmeno presentare in griglia.

Sainz convinto: la McLaren farà meglio

Ciò che è peggio, ma a parlare dovrà pur sempre essere la pista, è che il week-end di Austin non sembrerebbe presentarsi in maniera esaltante, almeno secondo uno dei due piloti della Rossa stessa. Proprio il numero ’55’ in griglia, Carlos Sainz, ha parlato nella conferenza stampa di presentazione del prossimo Gran Premio ed è stato al quanto esaustivo.

Purtroppo però non parrebbe assolutamente esaltato dalle performance della sua vettura pur ammettendo che nelle settimane appena passate, a Maranello si è lavorato molto per risolvere il problema che ha fermato la sua macchina in Qatar.

“Stiamo cercando di trovare soluzioni anche a lungo termine, perché quello del serbatoio del carburante è un problema avuto anche in passato e di cui non siamo soddisfatti e che ci sta dando qualche mal di testa”, ha detto il madrileno.

Sainz ammette di temere la McLaren
Carlos Sainz preoccupa i tifosi della Ferrari (scommesse.online – Ansa foto)

Ciò che però non farà piacere ai tifosi della Rossa è quanto ammesso dallo stesso ventinovenne a proposito della sua idea di quanto accadrà con la McLaren: “Se non dovessero esserci altri ritiri, dovremmo essere in grado di tenerli alle spalle. – Spiega subito Sainz che però dice con sincerità – Questo non significa che non ci batteranno, anzi, credo che ci batteranno nella maggior parte delle gare da qui a fine stagione. Hanno una vettura molto veloce e sembrano essere gli unici in grado di dare fastidio alla Red Bull in alcuni momenti”. 

Un duro colpo per i supporters della società italiana che farà comunque di tutto per avere una buona posizione nella Classifica Costruttori. Al momento, oltre ovviamente alla Red Bull, abbiamo Mercedes con 326 punti, poi Ferrari a 298 ed a seguire Aston Martin e McLaren rispettivamente con 230 e 219 punti.

Impostazioni privacy