Calcio, torna l’incubo Covid: scoppia un focolaio in un club italiano

La stagione calcistica è appena ricominciata ma già siamo di nuovo, alle prese con l’incubo Covid. In una squadra appena retrocesso dalla Serie A è scoppiato un focolaio… A rischio l’avvio dei campionati?

Ci siamo. La stagione del calcio in Italia, dopo una lunga estate e un mercato infuocato, peraltro ancora in corso, è già cominciata. A dare il via sono state le partite di Coppa Italia, in cui non sono mancate sorprese e spettacolo. Adesso sta però per partire anche il campionato, e lo fa con il solito incubo sullo sfondo: un possibile slittamento causato dal Covid. Sembra un discorso anacronistico, ma a riaccendere i fari sulla questione è stato un clamoroso focolaio esploso subito nel ritiro di un club importante.

Tifosi con mascherina
Tifosi con mascherina (LaPresse)

Nemmeno il tempo di cominciare il campionato, che già le squadre italiane si trovano a dover fare i conti con un problema annoso, il vero incubo degli ultimi anni: il contagio da Covid. Purtroppo, nonostante i vaccini, le continue variazioni del virus stanno rendendo molto difficile il riuscire a liberarsene in maniera definitiva.

Certo, abbiamo già fatto grandi passi in avanti, e in questo momento non c’è minimamente il rischio che un campionato possa slittare davvero (anche perché, mai come in questa stagione, di tempo per recuperare non ce n’è). Tuttavia resta necessario mantenere alta l’attenzione, per non incappare in brutte sorprese.

Leggi anche -> Bayern, paura per Kimmich: danni ai polmoni dopo il Covid

Covid: scoppia un focolaio in A e adesso?

Proprio nei giorni della partenza della Coppa Italia, un’importante squadra italiana si è ritrovata, in seguito ai consueti test, a essere un vero e proprio focolaio. Sono stati addirittura tredici i giocatori della prima squadra risultati positivi al virus, come riferito in una nota ufficiale. Un numero importante, che rende difficile l’approccio con queste prime battute della stagione.

Venezia calcio
Venezia calcio (LaPresse)

La squadra colpita in misura così importante è il Venezia. La formazione lagunare, retrocessa dalla Serie A alla B nella scorsa stagione, si trova a dover cominciare questo nuovo campionato già con un handicap non da poco.

Potrebbe interessarti -> Malinovskyi polemico: “Quando piangete per le bollette, pensate agli ucraini”

Fortunatamente, comunque, tutti i positivi sembrerebbero essere in buone condizioni, e sono stati sottoposti prontamente in isolamento per osservare le procedure previste dal consueto protocollo sanitario. La sensazione, comunque, è che non ci sarà bisogno di ricorrere ad alcuna modifica nei calendari della Serie B, anche se, stando così le cose, la sfida del 14 agosto tra Venezia e Genoa è destinata a partire con un netto vantaggio per il Grifone.