Neymar
Neymar

Neymar e il suo destino, ultimamente legato a fatti sportivi e non che ha riempito le pagine dei giornali. Il giorno di Ferragosto a Liverpool si riunisce l’Eca, associazione dei club europei. Con Psg, Barcellona e Real Madrid presenti, quale migliore occasione per chiudere la trattativa e ridare alla Liga il fuoriclasse brasiliano scappato due anni fa a Parigi per cifre astronomiche?

In Francia, i media più importanti, come L’Equipe, hanno già scaricato Neymar, che non ha mai imparato il francese e si è isolato da tutti. Inoltre, giusto per buttare altra benzina sul fuoco, lo stesso ha parlato soltanto con i media brasiliani, snobbando quelli francesi.

Il clima di odio che si è creato intorno al giocatore non può che fargli comodo: cori e striscioni contro, a cui non sono mancati gli insulti, rendono praticamente impossibile l’ipotesi di un ripensamento. Qualche giorno fa, lo stesso Neymar si è prodigato a ricordare la famosa remontada del Barça ai danni del Psg nella Champions 2017 come il miglior ricordo della sua carriera.

Secondo alcuni quotidiani sportivi e non, Neymar preferirebbe tornare in Catalogna. Ma la società Blaugrana non ha nessuna intenzione di discostarsi dall’offerta fatta la settimana scorsa: 50/80 milioni di euro più Coutinho. Il presidente del Psg ha ritenuto l’offerta poco congrua al valore del calciatore, stimato intorno ai 250 milioni di euro, chiedendo almeno 120 milioni in contanti. Ecco il perché il Real Madrid è entrato nella trattativa, soprattutto per costringere il Barcellona ha cambiare atteggiamento. In Francia, i media considerano l’interesse di Zinedine Zidane più un’opportunità che una priorità.

Una volta ceduto il fuoriclasse brasiliano, per il d.s Leonardo scatta il piano di rinforzamento dell’organico. L’attuale rosa, senza Neymar, appare poco competitiva per vincere la Champions, obiettivo principale dell’emiro proprietario del club. Oltre al nome di Coutinho, sta circolando insistentemente anche quello di Dybala, il quale potrebbe dare un contributo notevole in campo in quanto a qualità e tecnica. Ma basterà?